Fondazione Toscana G.Monasterio

La Fondazione Toscana “Gabriele Monasterio” (FTGM), è un ente pubblico costituito dal Consiglio Nazionale delle Ricerche e dalla Regione Toscana per istituzionalizzare l’apporto del CNR al Servizio Sanitario Toscano, in termini di attività cliniche specialistiche, di innovazione e ricerca e di alta formazione.

La Fondazione oggi
  • unica istituzione sanitaria partecipata dal CNR
  • struttura specialistica votata alla cura della malattie cardiopolmonari e correlate caratterizzata per un approccio multidisciplinare alla clinica e alla ricerca: numerose le professionalità non sanitarie
  • secondo centro italiano per complessità della casistica trattata
  • terzo centro in Italia per attività di emodinamica
  • centro di riferimento toscano per cardiochirurgia pediatrica e cardiologia pediatrica interventistica
  • centro di riferimento regionale per la diagnosi in utero delle cardiopatie
  • centro di riferimento regionale per il trattamento delle ipercolesterolemie familiari
  • uno dei principali centri nel panorama internazionale per uso di tecniche innovative in cardiochirurgia e cardiologia interventistica
  • riferimento clinico e scientifico non solo nazionale per l’imaging in ambito cardiovascolare
  • presidio ospedaliero completamente informatizzato (sistema realizzato internamente ed ora traferito in Aziende Sanitarie Toscane) dal punto di vista clinico, gestionale e di supporto alla ricerca clinica
Sedi Operative
  • Stabilimento di Pisa (“S. Cataldo” Area della Ricerca CNR): cardiologia e medicina cardiovascolare, emodinamica, elettrofisiologia, pneumologia, patologie endocrino-metaboliche correlate, trattamento ipercolesterolemie, imaging avanzato
  • Stabilimento di Massa (Ospedale del Cuore “G. Pasquinucci”): cardiologia neonatale, pediatrica e per adulti, cardiologia interventistica neonatale, pediatrica e per adulti, cardiochirurgia neonatale, pediatrica ed adulta, diagnosi fetale delle cardiopatie e gestione delle gravidanze, imaging avanzato.
Attività cliniche
  • concentrazione su alta ed altissima complessità (oltre il 92% dei ricoveri)
  • elevata attrazione extra-regione:
    • cardiochirurgia pediatrica 43% ed adulti 20%
    • cardiologia: pediatrica 35%, adulti 14%
  • risultati clinici di eccellenza (fonte AGENAS):
    • scompenso cardiaco: mortalità a 30 gg. 4,7% – media naz. 10,30% (- 54%)
    • bypass aortocoronarico: mortalità a 30 gg. 1,4% – media naz. 2,31% ( – 39%)
    • chirurgia valvolare: mortalità a 30 gg. 1,5% – media naz. 2,84% (- 47%)
    • trattamento broncopneumopatia cronica: mortalità a 30 gg. 1,6% – media naz. 9,31% (- 82%)
Attività di ricerca ed innovazione
  • laboratori di biologia, genetica clinica, biomeccanica, ingegneria clinica, imaging avanzato, nanomedicina (iperpolarizzatore, MRI 7T), planning chirurgico con supporto virtuale
  • collaborazioni strutturate con Industria (G.E., Toshiba, Philips, Esaote, Medis, Sorin, Edwards, Insiel Mercato, Medilogy, Kell, ecc.): test di dispositivi, sequenze, bobine, lo sviluppo di software, ecc.
  • n° 246 pubblicazioni PUBMED (impact factor medio: 5,17) e 120 sperimentazioni cliniche/studi osservazionali – dati 2018
  • FTGM ha sviluppato reti cliniche innovative: per il trattamento dell’infarto acuto, per il teleconsulto per le cardiopatie in età neonatale e pediatrica, per la valutazione dell’accumulo di ferro nel cuore nei talassemici (MIOT)
Attività di formazione
  • FTGM è convenzionata con Università (Pisa, Trieste, Siena, Palermo, ecc.) per numerose Scuole di Specializzazione
  • presso FTGM sono costantemente in training medici e sanitari provenienti da centri nazionali ed esteri (Yemen, Cina, Palestina, Slovenia, Belarusian State Medical University, Kazakh ecc.) per l’apprendimento di tecniche di diagnosi e cura avanzate
  • in collaborazione con la Scuola Superiore “S. Anna”, FTGM ha dato corso a percorsi formativi innovativi clinico-scientifici ed a Master internazionali di II Livello.

Cosa facciamo con Fondazione Monasterio?

Con FTGM stiamo avviando un programma di collaborazione pluriennare ad ampio spettro che riguarda la formazione, la ricerca e la clinica.

I primi progetti riguardano: 

  • Sostegno alle attività di cardiochirurgia pediatrica all’esterno dell’Ospedale del Cuore: si tratta di progetti di formazione clinica specialistica svolti da cardiologi e cardiochirurghi della Fondazione “G. Monasterio” rivolti a medici di Paesi più deboli.
  • Supporto ad attività volte a consentire a piccoli pazienti provenienti da Paesi dove non esistono attività di cardiochirurgia pediatrica l’accesso alle cure dell’Ospedale del Cuore.
  • Contributo alla ristrutturazione della foresteria per le famiglie dei bambini ricoverati dell’Ospedale del Cuore: un supporto rivolto ai famigliari di piccoli pazienti che “vengono da lontano” e che possono alloggiare gratuitamente nelle foresterie poste nel comprensorio di detta struttura.
  • Supporto alle attività di ricerca libera della Fondazione “G. Monasterio”: un sostegno a progetti di libera ricerca nell’ambito delle patologie cardiache e nelle tecnologie applicate alla sanità in tali ambiti, da parte di giovani ricercatori che operano presso la Fondazione.
  • Supporto al progetto “Ospedale Virtuale”: in collaborazione con la Scuola Superiore “S. Anna” di Pisa, la realizzazione di spazi destinati ai pazienti (piccoli e grandi) dove poter vivere momenti “diversi”, astraendosi dalle ansie e preoccupazioni che il ricovero determina.
  • Progetto “Adotta un Dottorando”. Fondazione “G. Monasterio” e Scuola Superiore “S. Anna” di Pisa realizzano un percorso innovativo misto di tipo applicativo-clinico, nell’ambito dei corsi di PhD in medicina traslazionale: un’opportunità per giovani meritevoli opportunamente selezionati, di affiancare alle attività di ricerca le attività cliniche, integrando le due componenti in un percorso pluriennale che preveda una alta formazione in entrambi gli ambiti.
  • Contributo per premi di ricerca per giovani medici: borse di studio che prevedono periodi di frequenza presso la Fondazione “G. Monasterio” per progetti di ricerca nell’ambito delle patologie cardiopolmonari, in età pediatrica ed adulta.